NEWS > Aggiornamento didattico, l’iniezione ipertonica di destr osio sembra efficace per la disfunzione dell’ ATM

AGGIORNAMENTO DIDATTICO, L’INIEZIONE IPERTONICA DI DESTROSIO SEMBRA EFFICACE PER LA DISFUNZIONE DELL’ ATM

NEW YORK (Reuters Health) – Le iniezioni di destrosio ipertonico nelle articolazioni colpite possono migliorare il dolore alla mascella, la funzione e la massima apertura interincisale nei pazienti con disfunzione dell’articolazione temporo-mandibolare, riferiscono i ricercatori.
“La disfunzione temporomandibolare (TMD) causa molta sofferenza, è molto comune e ha opzioni di trattamento limitate. La proloterapia è molto semplice da somministrare, sicura, poco costosa e in genere non più scomoda dell’agopuntura; in modo che medici e dentisti di cure primarie possano eseguire questa operazione in ufficio “, ha detto a Reuters Health tramite e-mail il Dr. W. Francois Louw dell’Università della British Columbia a Vancouver, in Canada.

Per quasi tre anni, il Dr. Louw ei suoi colleghi hanno condotto uno studio clinico con 42 pazienti adulti con TMD (54 articolazioni) in un centro medico in Canada. Un assistente di ricerca che non ha interagito con i pazienti o la loro programmazione ha randomizzato metà di loro a iniezioni intra-articolari mensili di destr osio al 20% più lidocaina allo 0,2% e metà a inie zioni di sola lidocaina allo 0,2%, al basale ea uno e due mesi.
I partecipanti, il team di ricerca e il personale dell’ufficio erano tutti accecati. A tre mesi, i gruppi sono stati rivelati e tutti i partecipanti hanno ricevuto un’iniezione mensile in aperto di destrosio al 20% più lidocaina allo 0,2% per 12 mesi.

Il gruppo di controllo aveva un dolore significativamente più duraturo e un’apertura interincisale massima (MIO) più piccola. A tre mesi, su una scala da 0 a 10, il gruppo destrosio ha riportato meno dolore alla mandibola (4,3 punti contro 1,8 punti; P = 0,02) e disfunzione (3,5 punti contro 1,0 punti; P = 0,008), e inoltre era migliorato MIO (1,5 mm contro -1,8 mm; P = 0,006).
A 12 mesi, non sono sta te trovate differenze tra i gruppi a 12 mesi, il team riporta in Mayo Clinic Proceedings, online il 13 marzo.
Secondo i dati aggregati, il dolore mandibolare, la funzione mascellare e il MIO sono migliorati rispettivamente di 5,2 punti (66%), 4,1 punti (59%) e 2,1 mm. Il dolore e la disfunzione sono migliorati del 50% o più nel 70% e nel 72% delle mascelle, rispettivamente.
Il coautore Dr. Dean Reeves, specialista in medicina fisica e riabilitazione in uno studio privato a Roeland Park, Kansas, ha detto a Reuters Health via e-mail: “L’iniezione di destrosio è particolarmente interessante come scelta terapeutica, perché, nonostante il suo basso costo e l’accessibilità, ha ripetutamente dimostrato capacità rigenerativa per i legamenti. “

Il dott. Louw ha osservato: “Questi risultati sono quelli che abbiamo visto per molti anni nella pratica clinica e sono simili ai risultati della letteratura in altre aree dell’uso dell’iniezione ipertonica di destrosio – proloterapia – per il dolore cronico. Negli ultimi anni si sono accumulate prove della proloterapia con destrosio relative al trattamento del dolore muscoloscheletrico cronico “.
Il Dr. Louw raccomanda che le scuole di medicina ampliano la loro formazione sulla procedura di proloterapia per questa e altre condizioni appropriate.
“Non vi è alcun interesse delle aziende farmaceutiche per la proloterapia”, ha detto. “Fare ricerca sul destrosio è a spese del ricercatore, motivo per cui semplici progetti di studio sono così importanti per mantenere i costi di ricerca più bassi possibile “.

La dottoressa Jannice Bowler, istruttrice clinica di ortopedia presso l’Università della British Columbia e presidente della Canadian Association of Orthopaedic Medicine (CAOM), ha dichiarato a Reuters Health via e-mail: “Avendo trattato molti pazienti negli ultimi 6 anni con questa stessa procedura e metodo, non sono sorpreso dal risultato. Sono molto contento di vedere pazienti con disturbi dell’articolazione temporo-mandibolare nella mia clinica a causa dei molti ottimi risultati con la proloterapia “.

“La proloterapia ha una lunga storia che risale agli anni ’30 e ha superato la prova del tempo, ma poiché non è un farmaco che può essere studiato da una grande azienda farmaceutica, è difficile produrre studi di qualità”, ha osservato il dottor Bowler, che non è stato coinvolto nello studio.” Questi dipendono dalla buona volontà, dal tempo e dai fondi personali dei professionisti della proloterapia.
“Questo trattamento semplice ed efficace dovrebbe essere molto più ampiamente disponibile per chi soffre di dolore”, ha consigliato. “Se la proloterapia fosse un farmaco, e uscisse uno studio come questo, l’azienda farmaceutica sarebbe estasiata e promuoverebbe vigorosamente il suo prodotto”.
Lo studio non ha ricevuto finanziamenti dal settore e nessuno degli autori ha segnalato conflitti di interesse.

By Lorraine L. Janeczko

FONTE: https://bit.ly/2D2Hr8X